Novità

Novità

Ghigo Agosti



10 luglio

Radio Birikina festeggia Ghigo Agosti

Arrigo Riccardo Agosti conosciuto come Ghigo Agosti è nato a Milano il 10 luglio del 1936.

Inizia fin da bambino lo studio della fisarmonica per poi approdare al pianoforte. La prima registrazione risale al 1954: si tratta di una reinterpretazione orchestrale di “Georgia on My Mind”, riproposto e allegato nel 1963 alla “Nuova Enigmistica Tascabile”.

Nel 1956 decide di abbandonare gli studi per dedicarsi interamente alla musica: si unisce agli “Arrabbiati”. Il 18 maggio del 1957 Ghigo venne ospitato al primo Festival del Rock’n’roll “Trofeo Oransoda” svoltosi a Milano. Nel 1958 Ariosti partecipa occasionalmente al club milanese “Santa Tecla” frequentato anche da altri artisti tra cui Giorgio Gaber, Enzo Jannacci, Adriano Celentano, Gian Franco Reverberi, che si esibivano abitualmente in formazioni jazz come la “Milan College Jazz Society” e il “Gianni Basso-Oscar Valdambrini quintett”.

Ghigo Ariosti nel 1956 scrive il brano “Coccinella”, inciso nel 1957. La canzone, che dà il nome anche al disco, viene resa nota al pubblico nell’autunno del 1959 con migliaia di copie destinate al juke-box. L’album non fu accettato dai membri della commissione Rai che lo sottoposero a censura. La censura Rai colpì ancora l’artista sulle canzoni Banana frutto di moda, Bella ragazzina di Verona e Dai fa la brava (non scritta da Ghigo, costretto dall’editore a cantarla); brani considerati “equivoci” per la concupiscenza dei testi. Dal punto di vista storico, “Coccinella” insieme al brano “Stazione del Rock” sono considerati due brani pionieristici. Ghigo Agosti si dimostra molto spesso un artista versatile nei generi musicali: egli spazia dal cha cha cha di “Banana frutto di moda” al blues di “Scalogna e carcere”, al tango rock di “Non avrei mai creduto”.

Nel 1960 istituisce il “Partito estremista dell’urlo” che si contrappone ai cantanti melodici e alla politica canora della RAI; con questi alleati, nel 1963 organizza il “Festival dell’Urlo”. Ghigo è un precursore del rock demenziale. Nel 1960 l’artista scrive per il cantante Fred Bongusto “Bella bellissima” seguita, nel 1965 da “Una cosa di nessuna importanza” per Nicola Di Bari e “Se amo un ragazzo” per Ketty (Milena Cantù). Nel 1961 a Roma trionfa al Festival rock’n roll accompagnato dal gruppo “I Ribelli”.

Dal 1964 al 1969 presidia con la band “Ghigo e i goghi” con i quali, nel 1966 intraprende una lunga tournèe appaiata al cantante Antoine. Nel 1969 trionfa nello spettacolo teatrale “Off-Off” con la canzone “James Brown dice…io dico!!”. Dal 1971 al 1974 lavora con il trio “Black Sunday Flowers” che pubblicano un solo 45 giri denominato “Bla Bla”. Verso il tramonto della carriera musicale Agosti si concentra su un’altra grande passione: la fotografia.

Nel 1970 la Virgin lo assolda per alcuni servizi fotografici in Italia e nel Regno Unito. Lavora anche come giornalista su copertine e recensioni provenienti da tutto il mondo. Dopo una lunga assenza, Ariosti rientra in scena nel 1990: Red Ronnie lo ospita più volte al Roxy Bar per celebrare gli anniversari degli anni ’50 e ’60.

Nel 1996 pubblica “Frammenti di preghiera”, opera religiosa con salmi musicati e recitati. 

© 2017 Radio Birikina
Radio Birikina s.r.l. - Sede legale e operativa via delle Mimose, 12 31033 Castelfranco Veneto (TV) Tel 0423.7367 Reg. Impr. di TV e Cod. fisc. 01781360266, P.I. 00333620284, R.E.A. 108871 Cap. soc. Euro 52.000,00 i.v.