Novità

Novità

Domenico Modugno



9 gennaio 2017
Radio Birikina festeggia: Domenico Modugno.

Il cantautore, chitarrista, attore e regista Domenico Modugno è nato il 9 gennaio 1928 a Polignano a Mare, in provincia di Bari. Nel 1935, il padre che era comandante del corpo delle guardie municipali viene trasferito in provincia di Brindisi. Domenico impara il dialetto siciliano che caratterizzerà i testi delle prime canzoni. Nel periodo dell’adolescenza impara a suonare la chitarra e la fisarmonica; si iscrive alla scuola di ragioneria di Lecce e nel 1947 si trasferisce a Torino, all’insaputa del padre, per cercare un’occupazione dignitosa: lavora inizialmente come cameriere poi come gommista.

Viene chiamato a svolgere attività di servizio militare a Bologna e solo nel 1949 farà ritorno in Puglia, dove inizierà ad esibirsi ad alcune feste paesane. La vita di paese non fa per lui così, il nostro protagonista decide di far ritorno a Torino per poi spostarsi nella capitale. Grazie alla vittoria ottenuta all’interno di un concorso per aspiranti attori, riesce ad entrare nel Centro Sperimentale di Cinematografia. In questo periodo riuscirà ad ottenere alcuni ruoli come attore nei film: “I pompieri di Viggiù”, “Cameriera bella presenza offresi…”, “Anni facili”, “Carica Eroica”.

 

Fulvio Palmieri gli propone, visto la sua bravura, di ideare e condurre un programma radiofonico, che prenderà il nome di “Amuri…amuri…”; durante il programma egli propone brani inediti che successivamente andranno a caratterizzare la svolta da attore e conduttore a cantante.

Nel 1953 Frank Sinatra verrà invitato alla trasmissione “Radioscrigno” in cui Modugno eseguirà una “Ninna nanna” tanto apprezzata dal cantante straniero che verrà dallo stesso incisa.

Le doti del cantante verranno apprezzate dalla RCA italiana che decide di stipulare un contratto; i primi due brani incisi sono composti in dialetto salentino e siciliano mentre il primo 78 giri risale al 1954 e porta i titoli “ La cicoria/Ninna nanna”.

I genitori del cantante si separano in quello stesso anno e la madre si trasferisce a Roma insieme a Vito Antonio (fratello di Domenico), che ben presto lavorerà come manager. E’ in quest’arco temporale che l’artista continua a pubblicare alcuni dischi con la casa produttrice RCA tra cui “Vecchio frack”, “la donna riccia”, “Lu pisci spada”. Da lì vengono prodotti anche i primi LP, “I successi di Domenico Modugno I” (1955) e “I successi di Domenico Modugno II”.

Nel 1956 passa alla casa discografica “Foint Cetra” che lo fa esordire al Festival di Sanremo in qualità di autore; il brano “Musetto” viene interpretato da Gianni Marzocchi aggiudicandosi l’ottavo posto. Lo stesso anno il cantante decide di organizzare un tour in Francia e contemporaneamente di pubblicare il 33 giri “Domenico Modugno e la sua chitarra- Un poeta, un pittore, un musicista” e “Domenico Modugno e la sua chitarra 2- Un poeta, un pittore, un musicista”.

L’anno seguente prende parte al Festival di Napoli con Aurelio Fierro, presentando il brano “Lazzarella”, che riscuote numerosi consensi.

Con Johnny Dorelli nel 1958 trionfa al Festival di Sanremo con “Nel Blu dipinto di blu”, dove Modugno, oltre che nel ruolo di cantante, figura in coppia con Franco Migliacci, come autore. Dopo Sanremo la canzone vinse anche l’Eurovision Song Contest.

Dopo aver raggiunto il successo a livello internazionale, il cantante vince l’edizione del Festival del 1959 con il brano “Piove”. Modugno vincerà il Festival altre due volte: nel 1962 con “Addio…addio” e con “Dio come ti amo” del 1966. Come abbiamo accennato Modugno è una personalità eclettica, contemporaneamente all’attività canora prosegue i successi da attore sia per cinema che in teatro (ricordiamo “Mi è caduta una ragazza nel piatto” “Alleluja brava gente”, “Liolà”).

Terminò la collaborazione con l’etichetta “Fonit” e passò alla “Curci” nel 1964 ma i dischi di questo periodo storico non ebbero la fortuna degli anni precedenti. Con il ritorno all’ RCA Italiana, la situazione cominciò a mutare: con “Come hai fatto” uscito nel 1969 il cantante poteva vantare un prestigioso posto nella classifica musicale. L’anno seguente riconferma la sua bravura il disco intitolato “La lontananza”.

Nel 1974 l’artista decise di ritornare alla “Curci” che nel frattempo aveva mutato il nome in “Carosello”, vennero incisi ben 11 singoli e tre album. Poi passerà all’etichetta “Pannarecord”.

Il 12 giugno 1984 il cantante fu colpito da un grave ictus mentre era negli studi televisivi di Cologno Monzese. Questo fece si che il cantante abbandonasse temporaneamente la carriera artistica. In questo periodo si candidò alla carica di consigliere comunale di Agrigento, dove venne eletto. Tuttavia l’arte, la musica sono sempre state fondamentali nella sua vita, tanto che nel 1991/’92 e ’93 si esibì sia in Italia che all’estero di fronte a milioni di spettatori. Il 6 agosto 1994, mentre era nel giardino di casa, venne colto da un infarto che ne causò la morte.

 

© 2017 Radio Birikina
Radio Birikina s.r.l. - Sede legale e operativa via delle Mimose, 12 31033 Castelfranco Veneto (TV) Tel 0423.7367 Reg. Impr. di TV e Cod. fisc. 01781360266, P.I. 00333620284, R.E.A. 108871 Cap. soc. Euro 52.000,00 i.v.